L’albero genealogico dei talenti: quali sono i tuoi?

L’albero genealogico dei talenti: quali sono i tuoi?

E se ci fosse un filo sottile che collega te, i tuoi familiari e i tuoi antenati? No, niente a che vedere con il colore degli occhi. Parlo di qualcosa di meno palpabile. Qualcosa che puoi trovare con un esercizio intuitivo che parte dalle qualità, le mixa come in uno shaker e ti regala una frase guida tutta tua, per aiutarti a esprimere i tuoi talenti.

Di esercizi che ti aiutano a riconoscere i talenti ce ne sono molti, dai più razionali – lista degli aggettivi alla mano – ai più intuitivi, fino a percorsi veri e propri che scavano nei meandri della tua anima per portare alla luce le qualità nascoste in profondità.

L’albero genealogico dei talenti ti porta a comporre il tuo puzzle familiare e ritrovare in te caratteristiche sopite.
Non lo trovi sui manuali e non ha un nome: l’ho fatto con la donna speciale che amo chiamare “la mia maestra spirituale” e ho scelto questa definizione per ricordarlo e raccontarlo, oggi, a te.

IL FILO CONDUTTORE

Quando l’ho fatto mi sono sorpresa a scorgere lati più o meno evidenti dei membri della mia famiglia. Credo che tutti noi siamo interconnessi e lo siamo ancor di più con le persone con cui ci troviamo a condividere gran parte della nostra vita: i nostri familiari.

Possiamo andare d’accordo, amarci moltissimo o detestarci, provare stima o rabbia: in ogni caso, le nostre storie personali s’incrociano, ci influenzano e ciascuna di noi ha molto da imparare da chi ci vive accanto. Se così non fosse, non ci sarebbe ragione di far parte della stessa famiglia.

Questo esercizio ti guida a mettere l’attenzione sulle qualità e far emergere un messaggio per te.
Ci vorranno dai 15 ai 30 minuti. Pronta?

PRIMA PARTE: PREPARAZIONE

Mettiti comoda.
Scegli un posto della tua casa in cui ti senti tranquilla, regola la luce, illumina la stanza con una candela profumata, accendi la musica – note quiete, da meditazione.

Appoggia accanto a te tre fogli bianchi e delle matite colorate.

Siediti in una posizione rilassata: su una sedia, con le gambe ad angolo retto e le mani sulle ginocchia, oppure sul tappeto con le gambe incrociate e le mani sul cuore.

Chiudi gli occhi e fai tre respiri profondi.

SECONDA PARTE: DAI TUOI FAMILIARI A TE

Continua a respirare e visualizza le persone che fanno parte della tua famiglia. Non forzarti, semplicemente osservale mentre la loro immagine si crea nella tua mente.

Forse vedrai i tuoi genitori, i tuoi nonni, i bisnonni che non hai mai conosciuto ma di cui ti hanno raccontato, un cugino di terzo grado, quella vecchia zia che non incontri da anni, i tuoi fratelli e le tue sorelle, i tuoi figli, il tuo compagno.

Guardali mentre compongono il racconto corale della tua famiglia. Che sia molto unita o sgangherata non importa: osservala così com’è.

Poi apri gli occhi.
Prendi il primo foglio bianco e, usando le matite colorate che più ti attraggono, scrivi il nome di ogni persona.

Accanto ad ogni nome annota una qualità: potrebbe ssere ad esempio “determinazione”, “curiosità”, ”creatività”, “perseveranza”, “intuizione” e così via.

Quando hai finito osserva il foglio e passa alla terza parte dell’esercizio.

TERZA PARTE: LA TUA FRASE ISPIRAZIONE

Fra le mani hai un collage di parole. Dimentica i nomi delle persone, adesso concentrati sulle qualità.

Scrivile tutte sul secondo foglio usando le matite colorate in modo spontaneo: forse scriverai una lista ordinata oppure formerai un cerchio, o ancora le disporrai in ordine sparso. Va bene.

Ora è il momento di comporre la tua frase guida.
Ad ogni parola associa un numero, partedo da 1, poi prendi il terzo foglio e scrivile in sequenza.

Adesso unisci le parole con verbi, articoli, preposizioni: crea una frase di senso compiuto. Ad esempio, potrebbe nascere qualcosa come “alimenta la tua curiosità con determinazione e perseveranza, metti la creatività al servizio dell’intuizione”.

Possono bastare pochi secondi o alcuni minuti: prendi il tempo necessario per seguire l’intuito e dare luce alla tua frase ispirazione.

E POI?

Avrai fra le mani una frase ispirazione che ti guiderà, mettendo l’accento sulle qualità che trovi anche in te.

Leggila ogni giorno e resta in ascolto. Pensa al modo in cui i membri della tua famiglia incarnano e vivono queste caratteristiche, prendi esempio e chiediti come puoi esprimerle al meglio nella tua vita. Se presterai attenzione, ti sorprenderai tu stessa di certi talenti che avevi sottovalutato fino a questo momento.

Ti è piaciuto l’esercizio?
Ti aspetto nei commenti qui sotto, su Facebook e Instagram 🙂



E tu, che ne pensi?