Addio routine automatica: 5 buone abitudini per vivere slow

Addio routine automatica: 5 buone abitudini per vivere slow

Secondo la psicologia positiva, compiere azioni che hanno un senso profondo è uno dei segreti per vivere meglio. Fare una cosa con un significato importante – per te e per la tua anima – ti fa sentire viva, nel posto giusto. E illumina la tua routine di una nuova luce. Ci avevi mai pensato?

Per molte persone i giorni sono una corsa dietro alle cose da fare: in settimana le ore non bastano mai e il weekend si trasforma in un collage di attività – o di divano-tv-spesa-pizza – che riempiono lo spazio-tempo prima che sia di nuovo lunedì. L’orizzonte temporale spesso è a breve termine e le cose si fanno “tanto per”.

Prima di scrivere l’articolo di oggi ho estratto una carta d’ispirazione Anima Libera per novembre, come faccio ogni mese: è “Protezione”, parla di capire cosa fa bene o male alla tua anima e proteggerla. La filosofia slow ti insegna proprio questo: riconoscere quali sono le cose, le esperienze e le relazioni che ti fanno sentire bene davvero e integrarle nella tua vita – ne ho parlato in questo post.

Dovrebbe essere semplice, ma a volte il nostro orizzonte si copre di nebbia, diventa confuso e noi brancoliamo.

Oggi ti accompagno attraverso 5 riflessioni intime, poi ti suggerisco 5 buone abitudini da mettere in pratica per avvicinarti ad uno stile di vita più equilibrato e in linea con te.

VIVERE SLOW: LE DOMANDE SONO IL SEGRETO

Da dove iniziare per avvicinarti ad uno stile di vita più ricco di significato? Da qui: comincia a conoscerti, in profondità. È un lavorone ma è la base.

1. Fatti delle domande

Le domande hanno il grande potere di allertare la nostra mente e portarci a trovare le risposte. Possono volerci tempo e pazienza, ma se chiedi al tuo cervello, lui ti risponderà – è una cosa che gli piace molto. La risposta apparirà come una luce che illumina una stanza buia, sarà una frase captata in una conversazione, il paragrafo di un libro che ti farà dire “ehi, è proprio così!” oppure avrà la forma di piccole tracce lungo il sentiero che stai percorrendo. Stai all’erta e te ne accorgerai.

2. Non dare nulla per scontato

Spesso ci troviamo a fare delle cose per abitudine, non perché davvero ci teniamo. A te capita?

Un giorno mi sono fermata a osservare la mia routine consolidata e ho capito che non funzionava più, era diventata automatica e poco stimolante, ma non ho mollato tutto e ribaltato la mia vita. Ho introdotto piccoli cambiamenti nell’area che più mi stava a cuore in quel momento – e non era quella che pensavo.

Così, nei mesi seguenti ho riorganizzato il tempo libero in famiglia: siamo stati ad uno spettacolo teatrale in un castello e ad un laboratorio magico mamma & figlio, abbiamo organizzato una serata con gli amici in una escape room, una cena in due al ristorante di Tiziana (e non uno qualunque tanto per uscire), una giornata a Caorle dove non eravamo mai stati e abbiamo scoperto quei nuovi quartieri di Milano che ancora non avevamo visto.

3. Mettiti in ascolto

Ascolta le sensazioni che provi: come ti senti quando vai a letto la sera, dopo una lunga giornata?
Come ti senti quando sei con quella tua vecchia amica? Quando esci di corsa al mattino per portare i tuoi figli a scuola? E quando lavori rincorrendo le scadenze e l’ansia s’impossessa dei tuoi pensieri?

Presta attenzione al tuo corpo e alle tue emozioni: diventare consapevole di com’è la tua realtà è il passo che precede il cambiamento.

4. Raccontati a te stessa

Puoi farlo tenendo un diario dove annoti come ti senti, cosa ti ha reso felice oggi e cosa no, le tue paure, i tuoi desideri e i motivi di gratitudine. Con te stessa puoi essere sincera su tutto. A vestire la tua nuda essenza per portarla nel mondo là fuori, ci penserai dopo.

5. Diventa più consapevole di chi sei

Sei responsabile delle tracce che lasci nel mondo e nelle vite delle persone, compresa la tua. Scopri che significato hanno, per te, le cose che fai nella tua quotidianità. Poi chiediti quale vorresti che fosse l’impatto su chi ami, su chi potresti incontrare, nel futuro che costruisci giorno dopo giorno vivendo al meglio delle tue possibilità nel presente.

È un processo lungo una vita, ma siamo qui per migliorarci ed evolverci dopotutto, non credi?

5 BUONE ABITUDINI DA METTERE IN PRATICA PER VIVERE SLOW

E adesso passiamo alla parte più leggera! Ti sei fatta tante domande nel tentativo di fare chiarezza? Se c’è ancora nebbia non importa, comincia a sperimentare anche il lato pratico: ti aiuterà a dare concretezza ai pensieri e a capire quali abitudini riflettono meglio la tua essenza.

Sai, i passi piccoli ti sanno portare lontano. Basta modificare un’abitudine quotidiana per innescare un cambiamento più grande, come spiega Charles Duhigg nel suo libro Il potere delle abitudini.

Fra le 5 abitudini per vivere slow elencate qui sotto, scegline una o due – quelle che senti più in linea con te – e comincia a fare pratica.

Fra queste 5 abitudini per vivere slow, scegline una o due – quelle che senti più in linea con te – e comincia a fare pratica.

1. Più relax a colazione

Aggiungi 5 minuti al tempo che dedichi alla colazione. Sorseggia la tua tazza di té, gusta una fetta di pane con burro e miele, prepara un porridge con latte, fiocchi d’avena, mirtilli e frutta secca. Rendi piacevoli i primi minuti della tua giornata, senza correre.

2. Sperimenta!

Vai a provare quel corso a cui pensi da tanto tempo e iscriviti a quel workshop che ti incuriosisce: invece di rimandare ancora, trasforma una delle tue tante idee in realtà e scopri se ti arricchisce e se ci tieni davvero (o era tutto un bluff?).

3. Friends forever

Ogni mese, regalati un pomeriggio di chiacchiere con la tua più cara amica. Trasformalo in un rituale d’amicizia davanti a un tè profumato e a una fetta di torta, capace resistere al tempo, agli amori, ai figli, al lavoro e agli impegni.

4. Leggi!

Non è vero che non hai tempo per leggere. Trova almeno 15 minuti ogni giorno: al mattino appena sveglia, durante la pausa pranzo (è un ottimo modo per staccare dal lavoro), la sera prima di dormire (è molto rilassante). Più leggi e più avrai voglia di farlo. Leggere apre la mente a nuovi mondi, stimola la curiosità, aumenta la conoscenza.

Mio figlio va in prima elementare e ogni giorno l’intera scuola si ferma per 15 minuti: ogni bambino apre il proprio libro – scelto a piacere – e legge. Dopo un mese di scuola, questo bambino di sei anni mi sorprende: legge in macchina al mattino, legge durante la merenda e a volte prima di addormentarsi, legge durante il weekend e gli piace andare in biblioteca per scegliere nuove storie.

5. Pretty woman

Alcuni libri sul minimalismo trattano l’abbigliamento come qualcosa di puramente funzionale, da semplificare al massimo. Be’, andate a raccontarlo a un uomo senza fantasia, non a una donna creativa.

Anche se puoi fare a meno (forse) di una cabina armadio come quella di Carrie Bradshaw, avere un guardaroba che esprime chi sei secondo me è essenziale e divertente. E ti prego, al mattino vai di fretta ma non fare come certe mie colleghe che dicevano “cosa mi vesto/trucco bene a fare, tanto devo solo venire qua in ufficio”. Mettici un po’ di passione.

E ora: prendi un abito, indossalo. Come te lo senti addosso? Il colore ti piace? Ti vedi bella? Ti fa stare comoda? Racconta il tuo carattere? Riflette il tuo mondo interiore? Oggi entreresti in quel negozio per comprarlo un’altra volta?

Queste 5 abitudini sono esempi: la cosa importante è modificare le tue giornate perché rispecchino il tuo mondo interiore e non si riducano a una routine automatica.
Se le tue azioni riflettono i tuoi valori, ecco che la tua quotidianità si riempie di significato – e sentirti più felice diventa realtà.

Hai altri suggerimenti? Scrivili nei commenti, qui sul blog, su Instagram o su Facebook.



E tu, che ne pensi?