Le ispirazioni! Estate 2018

Un’isola per viaggiare leggera, un libro da leggere, due donne con un progetto di moda sostenibile, fiori d’estate e i compiti delle vacanze – che, giuro, ti piaceranno!

Questo mese le ispirazioni valgono per tre: da metà giugno fino a settembre. Per assecondare la voglia d’estate, sole e spensieratezza.

Il mood d’inizio estate

Intuito: seguilo, ovunque ti porti. Mi piace immaginare l’estate come una stagione di libertà, scoperte, espressione creativa, esplorazione – del mondo fuori e di te stessa -, di risate e  leggerezza.

Di cose nuove, di una nuova te.
Quest’estate ti auguro di divertirti un sacco, a modo tuo!

Il colore dell’estate

 

 

 

 

 

 

 

 

Per dare il benvenuto all’estate, Michela ha scelto l’azzurro cielo, il colore delle favole, della pace e della serenità. Questo è anche il colore del Chakra della gola, il quinto, associato alla comunicazione, all’espressione creativa e alla capacità di esprimere te stessa.

Un libro per l’estate

“La felicità è a portata di trolley”: è il libro che ti insegna a fare la valigia giusta per ogni tipo di viaggio, in base alla donna che sei – e che vuoi essere. Su queste pagine in bilico fra il manuale, il romanzo e il saggio, la giornalista Marta Perego spiega in modo ironico (e utile!) come fare i bagagli e viaggiare più leggere.

Fiori estivi

Dai campi di lavanda della Provenza alle distese di girasoli della Toscana, l’estate è una poesia di tonalità che raccontano tutta l’intensità del sole. E tu, di che fiore sei?

Organizzata e felice (anche in vacanza)

Stai per partire, hai prenotato un appartamento al mare e devi organizzare tutto per tutti. Io ne so qualcosa e, per cominciare bene la vacanza, adotto questa strategia: prima di partire, faccio una lista della spesa da fare all’arrivo.

Poche cose essenziali, per riuscire a preparare colazioni e cene i primi giorni. Così evito di doverci pensare al momento, stanca per il viaggio e con i bagagli da sistemare, e riduco al minimo il tempo da passare al supermercato.

Altro accorgimento, molto utile: metto in valigia alcuni prodotti, in piccoli sacchetti di plastica da cucina (un po’ di sale, zucchero, bustine di tè, Nesquik, un mini-flacone con uno spray per la pulizia) per evitare di comprare grosse confezioni sul posto, che avanzerebbero.

E poi, la prima sera, niente fornelli: si va tutti a mangiare una pizza!

Donne che ispirano le donne

Sara Francesca Lisot e Francesca Romana Rinaldi hanno creato Very Important Choice, una piattaforma di moda sostenibile dove noleggiare abiti e accessori. La giornalista Paola Baronio racconta qui il loro progetto e come fare per entrare nella community di VIC.

Viaggiare leggera

Dove? Nelle Cicladi, le isole greche dipinte di bianco e azzurro che punteggiano l’Egeo. Ho un debole per la Grecia e, dopo la vacanza dell’anno scorso, l’ho scelta anche per la mia estate 2018.

Quest’anno andrò sull’isola di Naxos – tranquilla, con spiagge lunghissime di sabbia fine e raggiungibile da Mykonos in quaranta minuti di aliscafo. Porto con me tutta la famiglia a settembre, in un appartamento a due passi dal mare.

E, prima di tornare, ci fermeremo a Santorini per tuffarci in questo panorama mozzafiato (per me sarà la terza volta e non vedo l’ora).

Compiti delle vacanze

Quest’estate voglio mettere in pratica (davvero) il consiglio della mia “maestra spirituale”, quella che frequento da quasi vent’anni, che non sta su internet e non fa sessioni via Skype.

Il consiglio è questo, da lei a me, da me a te: ascoltati e segui la tua voce.

Niente planning, niente agende. Impara a fare silenzio e a “sentire”, a seguire l’intuito, anche quando non sai bene il perché. Con la consapevolezza che, a volte, il motivo che ti spinge a fare una scelta diventa chiaro solo dopo. 

È un invito a fidarti di te.

Da parte mia, posso dirti che fissare obiettivi e pianificare è utilissimo. Ma le scelte più azzeccate della mia vita le ho fatte perché “sentivo” che andava fatto così.

Buone vacanze donne ottimiste!

5 Comments on “Le ispirazioni! Estate 2018”

    1. Il libro mi è piaciuto, soprattutto perché oltre a parlare di valigie racconta anche la vita di alcune viaggiatrici e l’evoluzione dei bagagli 😊

E tu, che ne pensi?